Dal Castello alla Chiesa Madre

Antichi simboli di potere
Home / Chiesa di Santa Maria in Valle di Josaphat

English version

Chiesa di Santa Maria in Valle di Josaphat

Sul fianco orientale del colle si trova la chiesa di Santa Maria in Valle di Josaphat o della Gancia. Edificata nel 1072 per volere del Gran Conte Ruggero e della moglie Adelasia, dell’antico splendore ha mantenuto solo l’imponente e compatta struttura architettonica, tipica, con le sue merlature, delle ecclesiae munitae medievali. Privo di ornamenti e decorazioni, l’edificio ha conservato il trecentesco portale gotico d’accesso e, all’interno, il soffitto ligneo a capriate del primo ‘500 e un grande Crocifisso, anch’esso cinquecentesco. Recentemente, nello slargo antistante il tempio, sono state scoperte interessanti sepolture medievali. Quasi a ridosso della chiesa sorge il Palazzo delle Arti, un edificio ottocentesco (già ospedale civico) ristrutturato e adibito a mostre e convegni. Nella zona retrostante si scorgono ancora i resti di quello che, in epoca normanno-sveva, fu l’annesso e ricco monastero benedettino. Ritornando verso la Porta del Borgo, la si attraversi per scendere nella città bassa. Subito a sinistra spicca la compatta e lunga facciata del seicentesco Palazzo Moncada, mentre a destra si trova la minuscola chiesa del Sacramento, anch’essa del Seicento.